STRANGER VISION: “Poetica” – Pride & Joy Music – Out Now

C’è ancora una possibilità per il metal melodico di suonare fresco e originale, senza per questo perdere il suo spirito autentico e coinvolgente? Se per voi la risposta è “no”, probabilmente non avete mai ascoltato gli STRANGER VISION.

Gli STRANGER VISION nascono nel 2019 con l’obiettivo di creare un suono capace di concretizzare una visione estremamente personale. Musica orecchiabile, ma non stucchevole. Magniloquente, ma non pacchiana. Tecnica, ma non contorta. Moderna, ma non ruffiana. E potente, soprattutto.

L’energia trascinante degli STRANGER VISION deriva dalla forza di un impatto squisitamente metal e dal potere penetrante delle melodie. Uno stile in grado di generare sensazioni violente e piacevoli, sia a livello artistico che emotivo.

Nonostante la ricchezza della scrittura e l’accuratezza degli arrangiamenti, il processo creativo degli STRANGER VISION è molto libero e spontaneo. Alcune fonti d’ispirazione possono essere individuate nell’infinita capacità narrativa dei Savatage, nelle fluenti stratificazioni armoniche di Blind Guardian e In Flames, nell’intensità percussiva dei Symphony X più immediati, ma qualunque influenza viene rielaborata dalla personalità unica della band.


Il risultato è l’album di debutto Poetica: un viaggio musicale di oltre un’ora in cui gli STRANGER VISION dimostrano tutta la loro maestria nell’inventare riff memorabili, linee vocali epiche, ritmiche ficcanti, orchestrazioni mai invadenti e, aspetto non secondario, sviluppare un approccio concettuale davvero particolare per il genere proposto.
L’interesse degli STRANGER VISION nelle materie umanistiche – specialmente letteratura, poesia e filosofia – si riflette in testi profondi e aperti alla libera interpretazione. Anche se Poetica non è un concept album, il valore universale degli argomenti trattati saprà appassionare l’ascoltatore almeno quanto la musica del gruppo.


Alcuni brani di Poetica vedono inoltre la partecipazione di ospiti prestigiosi a livello internazionale, come Zachary Stevens (Savatage, Circle II Circle, Archon Angel), Alessandro Conti (Trick Or Treat, Luca Turilli’s Rhapsody), Alessia Scolletti (Temperance), Fabio Dessi (Hollow Haze, Arthemis) e Guido Benedetti (Trick Or Treat).
L’inserimento della band nella scena metal contemporanea è testimoniato delle grandi aspettative che già circondano il gruppo, dopo le sensazionali cover di Space Oddity (David Bowie), Mad World (Tears For Fears) e Moonshield (In Flames), che gli STRANGER VISION hanno condiviso liberamente nel difficile periodo del lockdown.
Superbamente mixato e masterizzato da Simone Mularoni (DGM) presso i celebri Domination Studio di San Marino, l’album di debutto Poetica getterà senz’altro le fondamenta di una carriera in costante ascesa, che attende solo il ripristino completo delle attività legate ai concerti per spiccare il volo.
Ben lontani dal voler essere un progetto da studio, gli STRANGER VISION sono determinati più che mai a dimostrare la loro consistenza artistica e a sprigionare dal vivo tutta la potenza melodica di Poetica, un disco destinato a cambiare le regole del gioco nel panorama metal italiano e internazionale.

C’è ancora una possibilità per il metal melodico di suonare fresco e originale, senza per questo perdere il suo spirito autentico e coinvolgente? La risposta è “sì”. Il suo nome è STRANGER VISION.


FORMAZIONE:
Ivan Adami – voce
Riccardo Toni – chitarra
Gabriele Sarti – tastiere
Daniele Morini – basso
Luca Giacopini – batteria

DISCOGRAFIA:
Poetica (2021)

https://www.facebook.com/StrangerVision

636 Views

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi