THERION pubblicano il video di “Tuonela”, singolo estratto dal nuovo album “Leviathan” – Out Now

Oggi esce il diciassettesimo album in studio dei THERION, “Leviathan”! Il disco è stato accolto con un ampio consenso dalla critica e i precursori svedesi del symphonic metal sono orgogliosi di celebrare il giorno della sua uscita con un magnifico video che accompagna la canzone ‘Tuonela’. Potete aspettarvi demoni, arte della scherma, fuoco, sangue, dramma e praticamente tutto ciò che è epico stipato in un video!

 

In veste di ospite, l’ex cantante e bassista dei NIGHTWISH Marko Hietala presta la sua voce alla canzone. Il mastermind dei THERION Christofer Johnsson dichiara: “Come chiunque altro sono molto triste e sono rimasto sorpreso nel leggere che Marko ha lasciato i Nightwish, ma capisco le sue ragioni perché molti si sentono frustrati per gli stessi motivi. Tuttavia, Marko è attivo come musicista con varie band di qualità dalla metà degli anni ’80, quindi sono assolutamente sicuro che vedremo il suo ritorno sulle scene prima o poi. È semplicemente troppo bravo per non far più parte del mondo della musica, ma in questo momento spero che si prenda il tempo necessario per ritrovare se stesso e tutta l’energia e l’ispirazione“.

“Leviathan” è acquistabile in formato fisico e digitale qui: http://nblast.de/Therion-Leviathan

Tracklist:
1. The Leaf on the Oak of Far
2. Tuonela
3. Leviathan
4. Die Wellen der Zeit
5. Aži Dahāka
6. Eye of Algol
7. Nocturnal Light
8. Great Marquis of Hell
9. Psalm of Retribution
10. El Primer Sol
11. Ten Courts of Diyu

Il disco “Leviathan” è disponibile nei seguenti formati:
– CD Jewelcase
– CD Digipak
– Ltd. CD Digipak + toppa (limitato a 500 unità / solo mailorder
– Black LP
– Clear LP (limitato a 300 unità)
– Gold LP (limitato a 300 unità / solo mailorder)
– Silver LP (limitato a 600 unità / esclusiva USA).

I THERION sono sempre stati una band che ha costantemente sfidato se stessa ad esplorare nuove strade, pur rimanendo fedele ai propri valori musicali fondamentali. Per il loro diciassettesimo album in studio, la mente del gruppo Christofer Johnsson e il suo collaboratore Thomas Vikström hanno creato qualcosa che prima sarebbe stato impensabile per il chitarrista e il cantante. “Abbiamo fatto l’unica cosa che ci è rimasta da esplorare tra tutte le diverse angolazioni”, spiega Christofer. “Abbiamo deciso di dare alla gente quello che continuava a chiedere. ‘Leviathan’ è il primo album che abbiamo deliberatamente riempito con canzoni di successo dei THERION”.

Quando i THERION sono nati nel 1988, cambiando nome alla band già esistente BLITZKRIEG, fondata un anno prima, Christofer si era più che altro ispirato a “Reign In Blood” degli SLAYER, tra gli altri classici del metal. All’inizio gli svedesi erano saldamente radicati nel death metal, un genere che hanno contribuito a definire, come testimonia il loro album di debutto “Of Darkness…” (1991). Eppure, già allora, c’erano accenni di “qualcos’altro” in agguato sotto la ruvida superficie.

Oggi l’uso della voce femminile è un altro ingrediente fondamentale dei THERION, che si è sviluppato gradualmente. I CELTIC FROST avevano sostanzialmente introdotto l’elemento femminile nel metal estremo su “To Mega Therion” nel 1985. I THERION iniziarono con una voce sia femminile che maschile che emulava un coro di chiesa già nel loro secondo full-length “Beyond Sanctorum” (1992). Con la sinfonia “Messe: Ho Drakon Ho Megas” (1993) e “Lepaca Kliffoth” (1995), Christofer ha continuato a sviluppare il suo suono caratteristico andando gradualmente alla deriva verso voci più pulite e più tastiere. Con “Theli” gli svedesi si erano affermati negli anni Novanta, assieme ai loro connazionali TIAMAT, oltre a THE GATHERINGe MOONSPELL, che all’epoca venivano spesso definiti “gothic metal”.

I THERION hanno continuato a navigare verso nuovi orizzonti, lasciando agli altri l’ispirazione da seguire sulla loro scia: in “A’arab Zaraq – Lucid Dreaming” (1997), Christofer ha esplorato ulteriormente l’uso della musica del Vicino Oriente nel metal, cui si era già accostato nel 1992, mentre in “Secret Of The Runes” (2001) ha osato inserire testi svedesi in alcune canzoni. Mentre la critica rimase confusa e i fan furono messi alla prova, i THERION erano spesso in anticipo sui loro tempi e vennero riabilitati con il senno di poi. Anche la digressione rappresentata da “Les Fleurs Du Mal”, disco del venticinquesimo anniversario della band, ha ormai superato lo shock iniziale causato ed è stata battuta in termini di streaming solo dal classico “Vovin” (1998).

Quando Christofer si è chiesto dove andare dopo che con il drammatico “Beloved Antichrist” (2018) aveva finalmente compiuto la sua missione musicale, la sua risposta è stata “Leviathan”, che prende il nome da un gigantesco mostro marino del mito giudeo-cristiano che affonda le sue radici nella tradizione babilonese: i THERION hanno creato un gigantesco album di successo e per la prima volta nella storia degli svedesi, ai loro fan non viene chiesto di esplorare qualcosa di nuovo, ma semplicemente di rilassarsi e godersi il meglio della band!

THERION online:
https://www.therion.se/
https://www.facebook.com/therion
https://www.instagram.com/therionband/
https://twitter.com/_Therion
https://www.nuclearblast.de/therion

 

127 Views

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi