SILVER NIGHTMARES: “The Wandering Angel” – Recensione di Eleonora Veronesi

Silver Nightmares
Progressive Metal Band from Palermo Sicily 🇮🇹
“The Wandering Angel”

ALESSIO MADDALONI: TRUMPET, DRUMS AND PERCUSSION
GABRIELE ESPOSITO: BASS – GABRIELE TAORMINA: KEYBOARDS

I Silver Nightmares si formano nel 2018 a Palermo, ho avuto il piacere di fare due chiacchiere a distanza con loro e, dopo averlo ascoltato davvero con piacere, vi racconto a modo mio questo Ep.

Chi nella vita non si è mai sentito come un angelo errante in viaggio senza meta, arrivato sulla Terra da chissà dove?
Ti guardi intorno e ti senti perduto … ti poni domande su quale sia il vero senso della vita, cosa sia veramente…
Come in The Wandering Angel a volte l’uomo si trova smarrito, perde “il colore della la sua pelle”, la sua essenza, vive all’interno di incertezze e bugie in un “perpetuo inverno”.
Come Charlot riflette sul senso della vita cercando l’ironia e dando positività a questo vagabondare “I am the new Charlot”.
Nel viaggio incontri persone come Dick Dastardly che rappresenta metaforicamente la scaltrezza, l’uomo che non ha rispetto, che vive a discapito degli altri, che interviene sulle regole del gioco per vincere ad ogni costo (il fatto che questo brano sia strumentale lascia completo spazio all’immaginazione).
Il viaggio prosegue, sembra senza fine “in a universe full of light and dark” in cui ti chiedi cosa fai qui, in questo spazio vuoto, mentre osservi le stelle… Light Years Away.
Poi, per fortuna, incontri anche personaggi come David The King (che richiama Davide contro Golia) quelli impavidi, coraggiosi che incarnano i valori e combattono “senza armi e senza paura”. Quelli che hanno le loro debolezza (come mi diceva Alessio Maddaloni) ma di una lealtà inimmaginabile. Stimati e perseguitati, quelli che non non hanno paura davanti a nulla e non per la prestanza fisica… possono essere musicisti o poeti esili ma che nell’anima sono una roccia, quelli che ti fanno sentire libero e al sicuro.
È un viaggio lungo e, dopo esserti smarrito, hai bisogno di essere salvato … Dame Nature (rigorosamente pronunciato alla francese). Prima eri libero e felice poi ti sei ritrovato in catene e perduto.
È il momento di ritrovare i valori, di riscoprire la natura, perché lei ha in se’ tutta la forza, l’amore e quell’indescrivibile bellezza che ti può salvare dall’oscurità.
Desideri ritornare all’età della purezza
“We must be like a child Innocent and pure Full of love Born into life under the sign of nature” e recuperare l’amore puro … come quello di un bambino.

Nella vita ci troviamo a vagabondare sperduti, a combattere battaglie, spesso senza un’armatura che sappia proteggerci … ma il viaggio continua alla ricerca di quel qualcosa in più, ciò che possa distaccare l’uomo dalla realtà materiale e possa sempre più fargli ritrovare la sua realtà spirituale.
Tutto questo passa attraverso ad episodi critici, significativi, quei momenti che nella vita fanno riflettere.
Questo è un Ep breve ma veramente intenso, in cui narrativa, concettualita’, filosofia (come in Dame Nature in cui compaiono chiari riferimenti a Rousseau) e racconti storici sono al servizio della Musica.
Una band che mette la Musica “al centro di tutto” (Gabriele Taormina), sicuramente fuori dai cliché musicali, ricca di fusioni e contaminazioni, non a caso non c’è nella Line Up un cantante fisso; le voci in questo Ep sono di Simone Bonomo e Michele Vitrano (traccia 3).

Vi lascio con le parole di Gabriele Esposito, “Gli orizzonti della Musica non hanno dogane, si vanno ad ampliare sempre più … come l’orizzonte del mare”.

Non mi resta che dirvi … buon ascolto.

Per contatti:
https://www.facebook.com/SilverNightmaresband/
Silver Nightmares sono presenti anche nei canali Youtube/Instagram/Twitter

 

Eleonora Veronesi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi